Tags

, , , , ,

Parola d’ordine: “vendere”. Da chi arriva? Dagli analisti di Centrobanca. A chi è riferita? Alle azioni Intesa Sanpaolo, per le quali la raccomandazione, in una nota diffusa oggi 11 gennaio, scende a “sell” (vendere, per l’appunto) da “buy” (acquistare il titolo). Le motivazioni sono presto dette: “I multipli di valutazione sono significativamente più elevati della media del settore bancario europeo”, perciò gli esperti di Centrobanca ritengono che le azioni di risparmio di Intesa siano “più interessanti”.
Al di là delle motivazioni, però, non può sfuggire che Centrobanca fa capo al Gruppo Ubi, che a sua volta, complice il legame della Popolare lombarda con il grande dominus di Intesa Giovanni Bazoli, ha in portafoglio poco più dell’1% della banca guidata da Enrico Tomaso Cucchiani. Una quota che, nonostante le indiscrezioni dello scorso autunno circa una messa in vendita, sembrerebbe essere ancora in portafoglio (qualche azione sarebbe stata venduta ma si tratterebbe di poca cosa). E siccome la partecipazione, soprattutto nell’ala bergamasca di Ubi, ha creato qualche malumore, chissà che davvero la Popolare guidata da Victor Massiah non sia intenzionata a cederla. Se così fosse, la sintonia con la controllata Centrobanca sembrerebbe essere totale.

Advertisements