Tags

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

saggio

Dobbiamo arrenderci: siamo circondati dai saggi. E non intendo quelli di ballo, con cui tanto mi sono divertita negli anni passati. Intendo gli esperti che ormai sistematicamente vengono chiamati in causa tanto in politica quanto in economia e finanza. Basti pensare a Gemina, che ha recentemente nominato un gruppo di saggi, ossia Francesco Mucciarelli, Luca R. Perfetti, Andrea Zoppini, Alberto Prestininzi e la società Environ Italia, chiamati a valutare l’impatto su Atlantia della causa intentata dal ministero dell’Ambiente sulla variante di Valico, con una richiesta di un risarcimento danni per 800 milioni.
Ad aprile, invece, era stata la volta di Telecom Italia, il cui consiglio di amministrazione, dopo ore di riunione, aveva nominato un comitato di saggi composto da Julio Linares di Telefonica, Gabriele Galateri di Genola, presidente di Generali, Elio Catania, consigliere indipendente e presidente del comitato per il controllo interno e Luigi Zingales, consigliere indipendente. In questo caso, il compito dei saggi era quello di valutare la fusione tra Telecom Italia e 3 Italia, controllata italiana del colosso di Hong Kong Hutchison Whampoa. Un’operazione che, tuttavia, sembra essere finita un po’ nel dimenticatoio. Chissà, forse i saggi, o più facilmente qualcuno degli azionisti di Telecom (la holding Telco fa capo a Telefonica, Mediobanca, Intesa Sanpaolo e Generali), hanno avuto qualcosa da ridire sul matrimonio.
In politica pure è un pullulare di saggi: ci sono quelli nominati dal presidente della repubblica Giorgio Napolitano alla fine di marzo per sbloccare l’impasse governativa.
Ci sono poi i 35 esperti del diritto nominati dal premier Enrico Letta con funzione consultiva rispetto al governo.
Insomma, con tutti questi dossier aperti stiamo correndo il pericolo, serio, che in giro circoli anche troppa saggezza. No, perché a guardarsi intorno non si direbbe. E sembrerebbe quasi che tutti ‘sti saggi siano poco più di un modo per prendere tempo e/o, in alcuni casi, anche per spendere qualche soldo in più in consulenze varie.

Advertisements